S.T.o.E.

Sigmasophy Theory oEverything®

di

Nello MANGIAMELI

  A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z  
 
Pace autopoietica (Voce glossario)
Padre-madre autopoietici Voce glossario)
Palestra dell’autocoscienza. (Voce glossario)
Panspermia autopoietica.
Paradigmi autopoietici. (Voce glossario)
Parole autopoietiche (Voce glossario)
Partecipazione autopoietica (Voce glossario)
Partenogenesi autopoietica (Voce glossario).
Pathos autopoietico.
Pedagogia-psicagogia autopoietica (voce glossario).
Pensiero sigmasofico (o Sigma-logic).
Percepire la percezione o percezione autopoietica (Voce glossario)
Poiesis International Project.
Porta autopoietica onirica.
Potenzialità autopoietica (Voce glossario)
Potere autopoietico (Voce glossario)
Precognizione autopoietica (voce glossario).
Principi attivi autopoietici (Voce glossario)
Principi attivi autopoietici dell’eros (Voce glossario)
Principi attivi autopoietici o fisiologia autopoietica (Voce glossario)

Pagine:
Pa-Pr  [Pr-Pu] 


Tatale Visite : 22036418
 

Percepire la percezione o percezione autopoietica (Voce glossario)

Percepire la percezione o percezione autopoietica. Percepire è una facoltà dell’Io acquisito che consente di acquisire coscienza, autoconsapevolezza di una realtà, operante negli Universi-parte, noi stessi, attuandola attraverso gli strumenti, le altre facoltà, che sono i sensi, la capacità d concettualizzazione, di immaginazione, di intuito, di sincronicità, di facoltà autopoietiche ecc. Deriva dal latino percipere, composto da per e capere che significa prendere, quindi, per prendere. Tale attività di percezione è applicabile alla percezione stessa, ossia all’atto della coscienza, con cui si acquisisce consapevolezza di un oggetto, di un ente appartenente all’Io acquisito stesso e agli Universi-parte, in cui si evidenzia, opera, attraverso la funzionalità, la partecipazione consapevole degli stati sensoriali, intuitivi, ipersensibili ecc., impiegati per riconoscere il tema, la parte percepita. Per questi motivi, percepire la percezione, conoscere la conoscenza significa, di fatto, entrare nei principi attivi autopoietici, operanti negli Universi-parte transfiniti, noi stessi.

 
 
Questa voce è stata consultata 39676 volte