S.T.o.E.

Sigmasophy Theory oEverything®

di

Nello MANGIAMELI

  A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z  
 
ABBANDONARE (Voce D.E.)
ABBASSARE (voce D.E.)
ABERRAZIONE (voce D.E.)
ABILITA' (voce D.E.)
ABISSO (voce D.E.)
ABITUDINE (voce D.E.)
ABLAZIONE (Voce D.E.)
ABLUZIONE (Voce D.E.)
ABNEGAZIONE (Voce D.E.)
ABORTO SIGMASOFICO (Voce D.E.)
ABREAZIONE (D.E.)
ABULIA (D.E.)
ACACIA (D.E.)
ACCELERAZIONE (Voce D.E.)
ACCETTAZIONE (D. E.)
ADAMO ED EVA (D.E.)
ADATTAMENTO (D.E.)
A-DIMENSIONALITA' (D.E.)
ADOLESCENZA (D.E.)
ADULTISMO (D.E.)

Pagine:
AB-AD  [AF-AL] [AL-AM] [Am-AN] [AN-AP] [AP-AR] [AR-AT] [At-AU] [Au-Au] [Au-Az] [Az-li] 


Tatale Visite : 19379870
 

ADATTAMENTO (D.E.)

L’adattamento è la facoltà Io-somatica a rendere uno stato coscienziale adeguato ad un altro, quando si conforma, si adegua ad una situazione esistenziale. E’ la capacità dell’Io acquisito di assumere la forma del contenitore che sta riconoscendo, come fa l’acqua che assume la forma, si adatta al contenitore. Lo riscontriamo anche come specifica tendenza degli esseri viventi ad adattarsi ed adeguarsi morfologicamente o fisiologicamente all’ambiente, agli Universi-parte.
Dal latino
adaptare,
ad
significa
a, in senso di fine di scopo,
e
aptare
significa
accomodare, aggiustare.
Di solito, l’Io acquisito di ognuno, stabilisce con la parte del proprio corpo che chiamiamo altro, natura, una propria specifica modalità di relazione. Questo adattamento a se stesso passa attraverso molte fasi e richiede molte azioni autoplastiche, ossia tese a modificare, a conformare e a far interagire se stessi, con tutte le componenti.
Se questo lavoro nell’Io acquisito, sempre in azione, non trova forme di equilibrio, di interazioni dinamiche, creatrici, si parla di disorientamento che, in questo caso, coincide con la prevalenza dei momenti e delle situazioni che l’Io acquisito incontra per raggiungere nuove forme di comunicazione con se stesso e con l’ambiente.
In Sigmasofia, l’adattamento è finalizzato alla reintegrazione e all’esplorazione del campo morfo-atomico-coscienziale, dell’inconscio autopoietico per fare in modo che questi vissuti ricadano e si adattino all’azione quotidiana.
E’ un processo sempre in atto e deve necessariamente, in itinere, assumere azioni autoplastiche, utilizzanti tutte le facoltà sensibili da quell’Io, per trovare soluzioni funzionanti finalizzate al superamento degli ostacolatori, alla reintegrazione.
L’adattamento alla realtà sensibile e sovrasensibile integrate è uno degli scopi della Sigmasofia.

 
 
Questa voce è stata consultata 48243 volte