S.T.o.E.

Sigmasophy Theory oEverything®

di

Nello MANGIAMELI

  A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z  
 
ABBANDONARE (Voce D.E.)
ABBASSARE (voce D.E.)
ABERRAZIONE (voce D.E.)
ABILITA' (voce D.E.)
ABISSO (voce D.E.)
ABITUDINE (voce D.E.)
ABLAZIONE (Voce D.E.)
ABLUZIONE (Voce D.E.)
ABNEGAZIONE (Voce D.E.)
ABORTO SIGMASOFICO (Voce D.E.)
ABREAZIONE (D.E.)
ABULIA (D.E.)
ACACIA (D.E.)
ACCELERAZIONE (Voce D.E.)
ACCETTAZIONE (D. E.)
ADAMO ED EVA (D.E.)
ADATTAMENTO (D.E.)
A-DIMENSIONALITA' (D.E.)
ADOLESCENZA (D.E.)
ADULTISMO (D.E.)

Pagine:
AB-AD  [AF-AL] [AL-AM] [Am-AN] [AN-AP] [AP-AR] [AR-AT] [At-AU] [Au-Au] [Au-Az] [Az-li] 


Tatale Visite : 19379729
 

ABISSO (voce D.E.)

Abisso,
dal greco abyssos,
alfa privativo
e
byssos,
che significa
fondo.
Ciò che è senza fondo, privato del fondo.
E’ sempre l’indicazione di una profondità grandissima, spesso considerata anche un luogo profondo e oscuro.
Da queste considerazioni, si sono elaborati molti collegamenti.
Non ultima l’indicazione di un luogo o cosa a cui non può giungere il pensiero umano.
Durante la formazione in Sigmasofia, quando l’Io acquisito del ricercatore riesce a vivere, a Risalire e a transmutre gli archetipi alfa, entra nella percezione diretta dell’inconscio autopoietico, e lì ha la consapevolezza di ciò che è senza fondo, dell’abisso autopoietico transfinito.
Si parla di un orientamento vissuto verso qualche cosa di paragonabile ad un al di là riferendosi a diversi processi. La mia sofferenza si perde nell’abisso, verbalizzò tempo fa un ricercatore.
Non c’è vissuto dell’inconscio autopoietico che non sia riferito, paragonato a grandezze abissali, senza fondo e senza confini, transfinite. L’abisso è inteso in tutte le direzioni, nessuna esclusa, nelle tre dimensioni e oltre.
Un tempio senza recinzioni!
Ho chiamato questo vissuto anche
transfinite distese interiori-coscienziali del cosmo, degli Universi-parte,
indicando il fatto che in quel campo morfo-atomico-coscienziale esplorabile non si ravvedono confini, delimitazioni, no è mai finito.
Altro sinonimo utilizzato è Universi-parte.
L’abisso è un contenuto che finora ho trovato in tutte le coscienze, la sua dimensione collettiva, consiste nel fatto che può essere riconosciuto nella percezione dell’universo che crea, che riassorbe e che può ricreare tutti gli esseri, continuamente
L’esplorazione consapevole, percepita di sé, si espande simultaneamente in tutte le direzioni, in un abisso senza confini. Ogni stato coscienziale, se penetrato, Risalito e transmutato, è la porta dell’abisso, dell’inconscio autopoietico.
E’ accaduto che i ricercatori abbiano proiettato in lui l’archetipo dell’androgino, come essere che si autoconcepisce, affascinante e spaventoso nello stesso tempo.
Per la Sigmasofia assume significati-significanti da vivere, come al solito, oltre la dicotomia.
Ritroviamo il concetto di abisso in tutta la cosmogonia, appunto perché è una struttura che ci compone per intero.
L’abisso che è gli Universi-parte, noi stessi, è sensibile e sovrasensibile, locale e non locale, è uno specifico luogo di ricerca.
E’ la potenza dell’inconscio esplorabile dall’Io acquisito. Specificamente, coincide con componenti autopoietiche dell’Io acquisito, nella sua manifestazione non localistica.

 
 
Questa voce è stata consultata 54611 volte