SIGMASOPHY

BENVENUTI NEL SITO UFFICIALE DELLA SIGMASOFIA

 

 

N.7

DIDATTICO, SUPERVISIVO E

BIOS-ETICO

a.  
a.    Didattica e supervisione Sigmasofica

 

La supervisione Sigmasofica è maieutica di consapevolezza, questo comporta la somministrazione della maieutica al Maieuta, al Docente, a colui che con-partecipa e olos-direziona la consapevolezza di un ricercatore in formazione

 

Serve per codificare la maturazione dei Maieuti di Sigmasofia, sia dal punto di vista delle conoscenze vissute, sia per quanto concerne il vissuto dello stato di autonomia fusionale autopoietica con il ricercatore, con i gruppi, nel rispetto del setting sigmasofico, ma anche della con-partecipazione, delle consapevolezze proprie con quelle del ricercatore, in un processo di formazione a se stessi, continua.

Nella I.S.U., la supervisione Sigmasofica è obbligatoria. Essa è formalizzata e non dipende soltanto dalla consapevolezza dei singoli didatti, ma tiene conto della consapevolezza raggiunta dalla Via di conoscenza Sigmasofia.

La carriera del supervisore sigmasofico è molto strutturata. Infatti, i supervisori sono reperibili tra i maieuti che hanno realizzato il biennio per divenire docenti Sigmasofici e successivamente il secondo biennio necessario per conseguire il titolo di Docenti supervisori e didatti. 

La supervisione sigmasofica tenuto conto della simmetria con il modello sigmasofico, evidenzia che ciò che il supervisionato fa sia coerente con il suo proprio stato Sigmasofia (sommatoria più proprietà emergente delle sue consapevolezza vissute) e se egli è olos-direzionato verso il suo ampliamento vissuto.

Il supervisore sigmasofico non insegna il modello sigmasofico, ma somministra la maieutica sigmasofica affinché le capacità di auto-applicazione dell’auto-maieutica da parte del supervisionato siano per lui stesso efficaci. Non è e non vuole essere un’auto-conferma della pratica e della teoria proposti dalla S.T.o.E. (dalla Via di conoscenza Sigmasofia): in sintesi, il Maieuta può conoscere i principi attivi della Sigmasofia, ma trovare grandi ostacolatori con il ricercatore in formazione o nella gestione della relazione con se stesso e con l’altro.

Le fasi della supervisione sigmasofica sono quattro:

  1. conferma dell’attitudine all’auto-maieutica
  2. applicazione della maieutica super-visiva
  3. supervisione sigmasofica
  4. stato Sigmasofia d’uscita

Ø  Durante la fase uno i supervisionati dovranno evidenziare la loro consapevolezza dell’attunement (affiatamento) Sigmasofico, ossia che sono inequivocabilmente pronti a mettersi in discussione e a mettere in discussione la loro difesa psicosomatica (ostacolatore), perché senza questa auto-consapevolezza il maieuta risulterebbe supervisionabile in modo ridotto e, probabilmente, inefficace.

Ø  Durante la fase due e tre si evidenzia la supervisione sigmasofica focalizzata in primis sul processo da cui si evidenziano gli ostacolatori (difese psicosomatiche), ossia sui fattori a-specifici, della con-partecipazione tra supervisore e ricercatore. A seguire (o simultaneamente), sullo specifico significato-significante dell’ostacolatore. Si lavora su eventuali difese residue a mettersi in discussione, se ci sono difficoltà a con-partecipare la situazione con il supervisore. Processo evidenziato da parte del supervisore sigmasofico attraverso le sue modalità di superamento di tali processi quando egli stesso è in supervisione.

La fase due e tre è utile altresì a ridurre i problemi attinenti il riconoscimento del ruolo del supervisore verso i supervisionati. In questa fase operiamo soltanto all’interno della I.S.U. e soltanto in casi eccezionali in ambienti esterni alla I.S.U.

Si verifica e conferma l’utilità dell’esplicito protocollo (contratto) di supervisione tra super-visore e super-visionato in cui, inizialmente, ci si accorda su che cosa l’uno si aspetti dall’altro, stabilendo formalmente modi e regole degli incontri. La formalizzazione del processo di supervisione sigmasofica è funzionale e protegge il supervisore, il supervisionato e il ricercatore o ricercatori in formazione.

In tutte le fasi si utilizza sempre la registrazione audio-visiva delle sedute per poterle successivamente ri-elaborare.

Ø  Durante la fase quattro si consapevolizza e sigilla il processo di apprendimento sugli aspetti trattati durante il processo super-visivo sigmasofico realizzato